Facebook Twitter

Poesia

Josep Carner
Inverno a Ostenda

Mite termina l’anno, con lentezza.
Sotto una nebbia, che dal sogno è emersa,
m’aggiro, a caso, incerto del cammino,
libero da memoria e da destino.

Rilievi, tinte attènuansi, più timide.
U n velo mattinale, un’ orma angelica
abolita ha la traccia d’ogni limite
fra cielo e mare, gli alberi e la strada.

Larva irreale, par che voglia offrire
qualche conforto agli umili delusi;
grigia, argèntea, leggèra più che cenere
ogni cruda certezza può addolcire.

Sui vecchi alberi ormai, deserte spoglie,
da lontano, non sai se ci sian foglie;
da dietro i vetri, non più transparenti,
forse ritorneranno sguardi assenti.

Mite termina l’anno, con lentezza.
Sotto una nebbia che dal sogno è emersa
m’aggiro, a caso, incerto del cammino,
libero da memoria e da destino.

Ah! potessi al di là d’ombre più dense,
questo vel mattinale ritrovare,
vedere, anche se vaghe le apparenze
e che sia nebbia anch’io non più temere.

Traduit par Mario Tutino
Josep Carner, Inverno a Ostenda. Brussel.les: L'Audiothèque, 1963.
Josep Carner
Recherche d’auteurs
A-B-C-D - E-F-G - H - I
J - K - L - M - N - O - P - Q - R
S-T-U-V-W-X-Y-Z
Traductions de la littérature catalane
Ici, vous trouvez d’autres pages web sur la littérature catalane:
Poesía
Avec le soutien de: